Category: recenzije

Recensioni di gruppi ed artisti musicali, scrittori ed artisti in genere.
le recensioni sono curate da Andrius Firenze e Tommy Open, esclusivamente su proprie impressioni e sensazioni.

The Best of Spotify Playlists

Spotify Playlist
Spotify Playlist

listu najboljih numera na Spotify, za izbor pjesme, broj predstava, ali za razumljivost i hrabrosti njenog tvorca.

Ovo su najbolji numera na Spotify, ili liste numera volim Andrius, Oni su malo, ali onda su ukusi su vrlo teško Andrius:

Music For Dreams And Movies Priče iz The Avenue

Slikarstvo u Muzika predvečerje

Top electropop kompilacija Andrius Florence

Music Library VOL.1 predvečerje

Lista (Andrew List) Andrew Firenze

Rebel Elektrode Andrew Firenze

Omiljeni Andrius može promijeniti u bilo kojem trenutku u zavisnosti od raspoloženja ili promjene sezone. Andrius je nepredvidiv.

Ključni parametar je da sadrže najmanje jednu pesmu od Andrius.

Ako ste urednik pesama i vi smatrate da tvoj je jedan od najboljih Spotify playlist, zatim staviti unutra i komad po Andrius i on će poslušati.

Alessandro Cenedese

Alessandro Cenedese

Alessandro Cenedese, Izvršni direktor della Maine Wine Records, To je prije svega čovjek umjetnosti i zabave, spektakla koji dolazi iz uzbuđenja i zvuka senzacije. Fondatore e cantante della band L.ego con cui ha prodotto 3 diskova i živjeli dugo muzičko iskustvo 10 starost. On je uvijek volio glazbu, Pokušavam svaki avenue da će mu omogućiti da živi, trasformarla e rivoluzionarla con l’anima se non con il cuore. Tra le mille esperienze ha lavorato come producer per Emergenza live festival, Suonica live festival i New Age Club. Ona je ostavio iznenada u hiljadu priča da se pokrene solo put, ma senza risparmiarsi in altre direzioni come ad esempio l’esperienza di speaker radiofonico. Tutto questo fonda le sue basi già dal percorso universitario al DAMS Musica di Bologna durante i primi anni 2000 da postane pisac, pjevač i producent svoje kreacije protuma ~ ili briljantno i često uz podršku odličnom sposobnost za obradu videa.

Angažman sa Spotify u podršku muzičara

Lariva LP

Uprkos veliki posao koji ga je doveo do objaviti svoj najnoviji album “prava” u septembru 2019, Alessandro Cenevese je stavio svoje iskustvo i strast na raspolaganju svim, koji se bave samostalno upravljanje umjetnika i bendova na Spotify.

Vorrei invitarvi a leggere l’intervista che ho trovato su differentmagazine.it e senz’altro visitare il sito della Glavni Wine Records che rappresenta il centro di tutte le attività dell’artista

Idelse, reper gazišta stopala

Idelse
Idelse

Naišao je na iznenađenje tražim i pretura talente potopljen Web. Ovaj umjetnik me zaintrigiralo, ali tvrdim: Mrzim rap!

Teško, dakle, za mene da sudim o nečemu što me izmiče, ma Idelse ha catturato la mia curiosa attenzione. Chi è mai questo misterioso Idelse?   Perché esiste solamente un video (ovaj momak) i nijedna druga staza na webu?  Cosa sta facendo adesso e dove vive?

Naglasak odaje njegove firentinske porijeklu i tekst njegove pjesme, očigledno neimenovani, sembra proprio sottolineare questa sua origine gigliata.

Pesma peva u videu je Idelse improvizacije u Milanu studio nepoznati, možda svoju bazu operacija?  Un grande mistero questo Idelse…  Che dire riguardo al titolo del branoLa parola che più di ogni altra spicca éHey Brother“, forse è questo il titolo. E allora da qui gli lancio un invito per una intervista, almeno scopriremo qualcosa su di lui e dipaneremo questa matassa misteriosa. 

rekla-kazala

rekla-kazalaZabavite se i zabavan, pravo spontanost i lakoću bez žrtvovanja predanost i osjećaj u muzici. i’ Bilo je to veliko i ugodno iznenađenje za slušanje tog petka 1 jun 2018 Castello (Firenca), odmah iza ugla u mojoj kući. I sigurno nije sama, kao što su mnogi okupili sljedbenika ovog benda već poznata u fazi Firence. nije bio samo kvalitet njihovog zvuka da udari, ali ovaj neobičan spontanost i želju da se zabavljaju sa svim, pozvao da se na pozornicu svima koji su imali hrabrosti i hrabrosti da peva. Svi jako dobro, Andrea Corbo je svakako istina “životinje” faza, njegovo prisustvo na sceni je eksplozivan, a glas mu je dobro podržan od strane benda čine Max Battistoni (gitara), Matthew Nori (nizak), Roberto Olmi (klavijature), Salvatore Lentini (baterija) e Sandro Raviglione (gitara).

Ovo prirodno je u DNK Rumores, To je njihov osnovni princip.

Je Rumores rođen 2009 želju da se "u" igri šest prijatelja, tokom nezaboravan plodovi mora večeru, potvrđuje da je najbolje ideje su na stolu!
Podijeljena različite muzičke ukuse, Punk Ramones iz više pravoslavnih Progressive, ali povezane strast koja tokom vremena je uspostavio veliko prijateljstvo.
Dobiti u igri je bio u početnoj fazi, zajedničku volju.
Ostatak je bio rezultat neke vrste magije, jer je ideja izrasla tokom vremena Rumores, i samo će vrijeme pokazati gdje će stići.

u 2015 On je objavio prvi CD potpisan Rumores: “Ne samo život”.

Rumores je: Andrea C. (glas), matteo N. (nizak), Massimo B. (gitara), Roberto. (klavijature), Salvatore L. (baterija) i Sandro R. (gitara)

Gledati foto album pun koncert (1/6/2018)

Lello Vitello

Lello Vitello, šoumen ili one man show?

Lello VitelloNikada sama uzima previše ozbiljno, je najviše tipičan greška na kojoj čovjek (shvatiti kao čovječanstvo) češće pada. Sve to je povezano sa atavistički potrebe da se, da se pojavi, dobiti potvrde. Ekscesi ponos koji se manifestuju u većini ljudskih stidljivosti, perché è certo che la timidezza sia provocata proprio da un eccesso di orgoglio. Se c’è un uomo che a tutto questo ha saputo dire di no, koje je uspio da se rugaju pokrajinske malograđanski ambicije, nepotrebno i neugodno oznake, Ovo je Lello Vitello.

'68 klase, Diplomirao u hemije iprofesionalni webmaster, To je svakako najautentičniji osoba tako jasno da sam ikada poznata u firentinske muzičkoj sceni 90-ih godina. I prepoznaju hrabrost i tvrdoglavost, nesumnjivu sposobnost da se suoči život sa istim osmehom i lakoće koje smo neobjašnjivo izgubili. S njim možete zabaviti, ovo je sok. Možemo raspravljati dan i noć na svoju kvalitetu kao umjetnik, ali nikad sumnjaju da je, ako on nije umjetnik niko nije.

Zajedno sa bendom Ahmed Elman, učestvovali smo na koncertima za osudu kvaliteta, čak i upravljanje da se lansiranje povrća, dostignuće ponosno postignut. nekoliko večeri proveli smo oko besciljno i bez razloga. U svakom slučaju nam je bilo zabavno, jer se to dogodi kada ste sa Lello, i, Lello uvek zabaviti.

On je radionica u stanju proizvoditi ogromnu količinu muzičkog materijala, video i multimedijalnih sadržaja u cjelini. i’ stvarno velika u njegovu sposobnost i želju da stvori nešto što daje osmeh ili da misliš. Okrenite misao, generiranje osmeh i usaditi dobro raspoloženje, To nije trivijalno i nije lako. Lello je izložena kritikama i presude neznalice ko zavidi njegov modus, ali da završava ravno u svom mjestu čitati i slušati, krađu tako da osjećaj je još jedna pobjeda, još jedan hit zabio Lello.

E allora dai, da je vrijeme da ga bolje upoznate: http://www.lellovitello.it

Andrija

Andrew Firenze

Andrija

Florence Night Muzičar

Ansrius Music
Andrius a Prato con Kinder Zaz nel 1995

Jasmine è andrea, muzičar izimprovizovana i noću proizvode čudne muzike, diuretik korisna i.   Njene aktivnosti počelo je u novembru 1986 zajedno sa osnivačima podzemne obuku u Firenci “Ahmed Elman“, prisutni stoljećima u gradskom pejzaža.   Kratke ali bogat zagradama kinder Zaz On nije promijenio adresu njegov muzički, ali još gore, međutim, donosi veću catchiness na sljedeći proizvodnju.Njegova proizvodnja je psihodelični i instrumentalne kalup, praktično “soundtrack“, savršen glazbe koji prati video ili zamisliti prostore i senzacije sa zatvorene oči, još bolje sa zatvorenim ušima.   Da bi razumjeli bolje preporučujemo slušati, ali i da poštuju instrumentacija polovan.   (Porijeklo imena).

Muziku Andrius se distribuira širom svijeta od godine 2013, uprkos grijani kontroverze između kancelarijama mnogih zemalja “Varšavskog pakta” koji su optužili N.A.T.O. (i obrnuto) podrivanja stabilnosti sistema i podrivaju mir u svetu.

 


Nađite ga na Facebook-u

HTTPS://www.facebook.com/AndriusMusic/

mističnog i tiho autor mnogih muzičkih djela objavljena od shizofrenih grupa Elman AHMED, i bivši suosnivač


Besplatno slušanje na SoundCloud

HTTPS://soundcloud.com/andrius-music

Andrius ima nekoliko komada ovog popularnog platforme, dostupan za besplatno iz bilo gdje u svijetu.


 

The Regal

Qualcosa di nuovo tende la mano al passato

Le mie preferenze in campo musicale? , credo non ci sia sia modo migliore di rappresentarle se non attraverso coloro che a mio dire, ne rappresentano l’essenza. Non c’è neanche bisogno di andare tanto lontano, di scomodare nomi patinati e leggendari. Parlo dei fiorentinissimi “The Regal.

The RegalLi avete mai sentiti dire?   Anzi, dovrei chiedervi se li avete mai ascoltati, perché i tre musicisti che compongono questa band, non sono propriamente dei cultori dell’immagine, ma quello che riescono a fare mi fa venire i brividi.  Non fraintendetemi, non mi riferisco ai classici virtuosismi ma alle sensazioni che percepisco nell’ascoltare la loro musica.  E’ come ritrovarsi catapultati in tempo e in luoghi lontani, eppure quel sound così familiare per chi come me è nato negli anni ‘60, rimane assolutamente originale, subito identificabile nel loro sound, nelle loro timbriche, nel loro modo di essere.

Bah, sarà perchè amo questo genere, che (forse erroneamente), mi trovo ad attribuire a questa band un valore eccessivo?  Bene, sono pronto ad assumerne tutti i rischi, provate però ad infilarvi quelle maledette cuffie e fate partire “The Unloved”, oppure “When you could understand”,  chiudete gli occhi e lasciate che la vostra fantasia si liberi.    Se dopo di ciò, nel vostro stato d’animo non fosse accaduto niente, beh allora… tornate pure ad ascoltare Justin Bieber.

The Regal

Alessio Consoli
Alessio Consoli

Il nome che identifica la band fiorentina, potrebbe sembrare snob, anche perchè in effetti di “regale” non hanno molto, però questo nome mi fa pensare alla distanza e la solitudine che l’essere regale comporta. Da li si vede il mondo da un’altra angolazione, i rapporti cambiano, sono formali, freddi, distanti.  Fuori, più in basso, più lontano c’è tutto un mondo che pare non appartenere alla stessa dimensione. C’é uno stato d’animo che guarda con rassegnazione, come chiuso in una gabbia di cristallo troppo spesso per permettere che il proprio grido possa essere udito oltre.

La formazione pare essersi formata nel 2008 su progetto di Andrea Badalamenti (chitarra e voce). Manuel Pio (batteria e voce), e Alessio Consoli (basso e voce).  ja The Regal si affacciano con il primo album dall’omonimo titolo nel 2012, composto da 9 brani che preannunciano quello stile destinato a contraddistinguere la band nel panorama musicale. Con il trascorrere degli anni il terzetto non scopre di avere soltanto una morbosa voglia musicale, ma dimostra di avere una notevole virtù nello scrivere canzoni che lasciano poco spazio al caso poiché frutto di attenta meditazione, ricca di contenuti che la portante musicale intende trasmettere. La matrice sonora del loro secondo capitolo The shade of the human job"The shade of the human job” è rimasta invariata, ma oggi Andrea Badalamenti (ancora autore di tutte e dieci le canzoni del disco), pone l’attenzione sull’essere umano, le sue vulnerabilità e le difficoltà nel vivere in sintonia con il prossimo, come l’isolamento voluto o subito da chi rifiuta la propria necessaria ambizione e la naturale arroganza.

Andrea Badalamenti, ha letto molto e si è molto concentrato sugli assunti e i dogmi creati dall’uomo con la presunzione, il cinismo e la pigrizia:  "perchè là dove ci possono essere gli strumenti per cambiar testa, per abbattere i dogmi e vivere in uno scenario più vero e sano, restiamo sempre agganciati al sistema, un sistema che oggi noi critichiamo, ma che alla fine accettiamo perché molto vizioso.  È molto più comodo vivere in un mare di credenze piuttosto che destrutturarle.

Così “The shade of the human job” risulta ancora più trasparente del precedente lavoro.  Le impronte ritmiche e armoniche di Manuel Pio (baterija) e Alessio Consoli (nizak) risultano più accentuate, anche per l’uso di registrazioni in presa diretta, certamente più calde e spontanee.

Le Edizioni e l’Ufficio stampa sono a cura di A Buzz Supreme.

Link interessanti:

HTTPS://www.facebook.com/theregalnest/

http://www.theregal.it/wordpress/

Death of a LadiesMan.

u 13 novembre del 1977 Leonard Cohen pubblicava il suo quinto album studio, chiamandoloDeath of a LadiesMan” (traducibile conMorte di un Don Giovanni”) dove Leonard intendeva dire che l’epoca dei divertimenti spensierati con le donne era finita e iniziava una nuova vita, quella di padre, che gli apriva prospettive completamente differenti.  Leonard all’epoca era giapoeta (“Let Us Compare Mythologies” 1956 e “Flowers for Hitler” 1964), romanziere (“The Spice-Box of Earth” 1961, “The Favourite Game” 1963 e “Beautiful Losers” 1966) e cantautore di buona fama. Il suo grande rimorso era stato quello, nella sua fin libreve carriera di cantautore, di non essere ancora riuscito a sfondare nel mercato americano ma soprattutto in quello europeo.Proprio per questo motivo in occasione di quell’album scelse con grande sorpresa degli addetti ai lavori di collaborare con Phil Spector, famoso per essere l’inventore della tecnica delMuro del Suonoe per aver collaborato coi Beatles nella realizzazione di Let it Be . Spector se da una parte era un genio innovatore,dall’altra era (ed è) un soggetto aggressivo e incontrollabile (è stato condannato nel 2009 a 19 anni per l’omicidio della modella Lana Clarckson). Infatti il disco non venne completato a causa dei forti dissidi tra Cohen e Spector. La tensione fu talmente alta che Spector cacciò Cohen dagli studi minacciandolo con una pistola.Quello che poteva andare bene con le Ronettes o Tina Turner non era adatto a Cohen che ha sempre ritenuto quest’album la suapecora nerae definendolo incompleto in quanto vennero date per buone registrazione che avevano bisogno di ancora molto lavoro.

Quasi per ironia della sorte esattamente 39 anni dopo quella prima morte (figurata) è sopraggiunta per il nativo di Montreal anche quella fisica.In mezzo tante cose.La conversione al buddismo e il ritiro assoluto dalle scene a Mount Baldy vicino a Los Angelese alla scuola del Maestro e amico Roshi che gli ha insegnato valori che per lui, nato e cresciuto ebreo, erano sconosciuti.

L’ultimo suo lavoroYou Want It Darkerè stato pubblicato nell’ottobre 2016 ed è un vero testamento in musica dell’autore che sembra fare il paio conBlackstardi Bowie.Anche in quell’occasione l’autore moripochissimo tempo dopo aver pubblicato l’album.

In modo incredibilmente profetico (ma del resto un uomo sente quando sta per morire) Cohen nella titletrack canta con la sua voce profonda e erosa dal tempoI’m ready, My Lord”. Tutto l’album è legato indissolubilmente alla morte e all’oscurarsi delle cose. La sua morte come quella dei molti altri che purtroppo questo terribile anno ci ha portato ha lasciato un forte senso di smarriemmto e quasi di alienazione,come se guardandosi intorno ci si accorgesse che dei veri e propriPadri adottivici avessero lasciato e non delle semplici figure dello spettacolo e dello show-business.

Ma,riflettendo,la cosa più terribile non è la morte di questi immensi artisti che il 2016 si è portato via(Lenny,Bowie,Glenn Frey,Keith Emerson, Prince,Maurice White, Cohen) poichè il loro inestimabile contributo lo avevano dato e la loro esperienza era ormai stata assorbita e codificata dagli appassionati,quanto la assoluta mancanza del cosiddettoricambio generazionalecome se un’intera generazione (quella ’80/’90) fosse incapace di esprimersi se non tramite prodotti scadenti,che se da una parte vendono, dall’altra sono destinati a essere spazzati via da una nuova ventata,quasi fossero permeati di una terribile incomunicabilità.

Comunque addio Leonard, che la Terra ti sia lieve,noi che rimaniamo possiamo solo esserti grati per averci reso meno penosa l’esistenza.

Estate sul pianeta Terra”.Gli Eternauti.

E’ opinione largamente condivisa che dalla morte di Kurt Cobain e il seguente scioglimento di Nirvana la qualità della scena mainstream sia scesa di livello in maniera radicale dando spazio a artisti che hanno promosso nuovi generi di successo atti solo alla pura monetizzazione e senza alcun intento innovativo o minimamente elaborato.Un ottimo metodo per rivitalizzare il nostro apparato uditivo da ciò che ci viene passato è cercare nella scena underground che come spesso accade nei periodi di secca sia molto fervente e ricca di spunti molto interessanti.

Una meta di questa ricerca altamente consigliata è quella deGli Eterenauti”.Il gruppo trae l’origine del nome dal celebre fumetto argentino disegnato da Francisco Solano Lopez in cui si racconta di come alcuni alieni avessero catturato alcuni umani e li avessero imprigionati all’interno dello stadio del River Plate che come sottolinea giustamente la voce del gruppo Dario Bissanti fu una scrittura premonitrice (il fumetto è della fine degli anni ’50) di quanto fecero anni dopo i dittatori in Argentina.Il gruppo ha una formazione classica di tre elementi,il già citato Bissanti (chitarra e voce),Fabrizio Iarussi (nizak),Antonio Attolini (baterija).Il gruppo nasce a Bari nel 2008 ed è del 2009 la loro prima demo.Nel luglio 2013 pubblicano l’albumIl vuoto è segretoregistrato in analogico.

Si definiscono un power trio di rock fantascientifico.E in effetti il loro rock,veramente ben suonato e a tratti aggressivo,fantascientifico lo è davvero in quanto il tema principale dei loro ultimi lavori è la vita nello spazio.

Lo spirito degli Eternauti è ben definito da Dario Bissanti in un’intervista

Concentrarci solo sulla nostra piccola terra non ha senso,non siamo che un piccolo puntino disperso in qualcosa di leggermente più grande e ovviamente non siamo soli.

Su questi concetti fondativi si sviluppa l’ultimo lavoro della band puglieseEstate sul pianeta Terrache sarà pubblicato il 30 ottobre su chiavetta USB.Già dal titolo si intende come la Terra sia solo un luogo di passaggio,quasi di balneazione per passarvi l’estate.

La sezione ritmica è più serrata rispetto ai lavori precedenti e ciò lo si evince dal pezzo di punta dell’albumMaradona”,sorta di divertissement in cui vengono derisi con sottile ironia alcuni personaggi simbolo dell’Italia anni ’80/’90 (Achille Occhetto,Moana Pozzi,Maradona).Ma la chiave di lettura della canzone e forse dell’album è nella strofa successiva,in cui Bissanti canta che le parole sonoprotesi inutili”.

Citando sempre BissantiNon dobbiamo sopravvalutare le canzoni,il loro testo è solo un punto di partenza ,ognuno può leggerci un significato differente.A volte costruisco testi volutamente ambigui,in maniera tale che ogni singola frase possa avere 2/3 diverse ipotesi di significato”.

Da ciò si comprende il perchè venga scelta una maggiore ricercatezza stilstica nel suono piuttosto che nella profondità testuale .Questo è infatti forse l’unica pecca dell’album ovvero la poca ricerca della parola che però non è casuale come si può leggere sopra.Altri pezzi particolarmente degni di nota sonoEstate sul pianeta Terra”,”La voce del padrone” e “Viola”,la traccia che chiude l’album.

Un’opera dunque di assoluta qualità per un gruppo che ha le capacità di fare tanta strada

I brani:

1.Macchina astronautica 3:22

2.Un’improbabilità possibile 3:12

3.Maradona 3:39

4.Estate sul pianeta Terra 3:03

5.La voce del padrone 3:30

6.Cani randagi 3:57

7.Totù-decenni di abitudine 3:49

8.Cos’è che no-cos’è che 3:43

9.Viola 4:23

 

Bringing It All Back Home e la svolta elettrica

All’inizio del 1965 Robert Allen Zimmerman,in arte Bob Dylan,da Duluth Minnesota è una delle star affermata dell’ambiente folk/cantautorale statunitense ed ha già pubblicato due capolavori The Freewheelin’Bob Dylan (1963) e The Times They Are A’Changing (1964) e a soli 23 anni è già da considerarsi una degli artisti migliori e originali del panorama non solo americano ma Internazionale.Eppure si sente insoddisfatto,probabilmente sente un Demone dentro che lo spinge a qualcos’altro a qualcosa di nuovo.La figura di Vate del folk e anti Casta in cui si sarebbe potuto cullare per il resto della sua carriera (visto che riceveva grande consenso) e campare di rendita.E allora il 22 marzo 1965 licenzia il suo quarto album in studioBringing It All Back Home”.Con questo titolo pare che Dylan volesse mandare un messaggio al nascente Rock britannico che stava iniziando a essere sdoganato negli U.S.A sovrastando quello americano.Se fino a questo momento negli album dylaniani non si era neanche lontanamente sentito il suono (rumore per i puritani del folk) di una strumentazione elettrica.L’album si apre subito conSubterranean Homesick Bluesun pezzo di appena due minuti e mezzo che da molti è stato riconosciuto come una testimonianza di proto-punk.L’album alterna pezzi acustici (meravigliosamente raffinati) e pezzi elettrici (di velocità anfetaminiche e di una pungente genialità).Possiamo trovare capolavori assoluti (in sequenza nell’album peraltro) doći “Mr.Tambourine Man”,”It’s Alright Ma (I’m Only Bleeding)” e “It’s All Over Now,Baby Blue”.Questo è evidentemente un album delle prime volte in quanto per la prima volta viene prodotto un videoclip per la canzone d’apertura dell’albumSubterranean Homesick Bluesappunto.Questo album fu il primo della celeberrima trilogia elettrica dylaniana che verrà completata daHighway 61 Revisited” (1965) e “Blonde on Blonde” (1966) e pur essendo ritenuto da molti il lavoro meno eccezionale (mi sia concesso l’ossimoro) è il primo passo verso il cambiamento.L’album fu tanto importante che anche i Beatles (che avevano incontrato Dylan nel ’64 per la prima volta a New York) intrapresero la strada tracciata dall’artistra americano già dal rivoluzionario album Revolver del ’66.Anche la copertina è innovativa.Ritrae Dylan in un primo piano sgranato con alle spalle Sally Grossman moglie del manager di Dylan Albert Grossman.Sul tavolo vi sono album di alcuni artisti di riferimento per Dylan tra cui gli Impressionist,Robert Johnson,Eric von Schmidt e Lotte Lenya.